Festa della Letteratura e della Poesia e “Castello di Duino”

 duino-4
PREMIAZIONE DELL’XI CONCORSO INTERNAZIONALE “CASTELLO DI DUINO” E FESTA DELLA LETTERATURA E DELLA POESIA

Duino – Trieste, 17–22 marzo 2015

Sei giornate d’incontri, reading e workshop rivolti ai giovani. Con un premio letterario che valorizza i talenti internazionali e la solidarietà. E che festeggia la sua undicesima edizione insieme agli scrittori Michela Monferrini, Federica Manzon e Simone Marcuzzi.

COMUNICATO STAMPA

DUINO – Sarà il Castello di Duino, uno dei luoghi della poesia per eccellenza, celebrato da Rilke nelle sue famose “Elegie Duinesi”, a ospitare le premiazioni dell’XI edizione del Concorso Internazionale di Poesia e Teatro Castello di Duino, uno dei più prestigiosi premi letterari rivolti ai giovani di tutto il mondo, patrocinato dall’UNESCO.

Inserito nella più ampia Festa della Letteratura e della Poesia, in calendario dal 17 al 22 marzo prossimi tra Duino e Trieste, dai suoi esordi ad oggi il Concorso, riservato ai poeti fino ai 30 anni di età, ha coinvolto ben 11000 giovani autori provenienti da 90 Paesi e un pubblico sempre più numeroso e appassionato. Nell’edizione di quest’anno a cimentarsi, ognuno nella propria madrelingua, con il tema del “viaggio”, reale o immaginario, metafora della vita ma anche concreto momento di trasformazione, sono stati ben 900 giovani autori, provenienti da ogni angolo del globo: dall’Argentina alla Nigeria, dall’Iraq al Pakistan, dallo Sri Lanka a Cuba, oltre a moltissimi poeti europei. A valutare le poesie nella lingua madre degli autori una giuria composta da critici letterari, poeti e docenti universitari di letterature comparate, che, come non accadeva da anni, ha assegnato la prestigiosa medaglia del Presidente della Repubblica a una giovane autrice italiana, Michela Pusterla, di Chiuro (Sondrio). Il primo premio è andato invece alla slovena Klara Katarina Rupert, seguita, sul secondo gradino del podio, dal giovane poeta brasiliano Antonio Pedro Faro. Ex aequo per il terzo posto, attribuito alla rumena Victorita Tudor e alla polacca Agnieszka Żądło Jadczak.

La cerimonia di premiazione del Concorso, promosso dall’Associazione Poesia e Solidarietà, sarà la degna conclusione della Festa della Letteratura e della Poesia, una sei giorni d’incontri letterari, reading, workshop, spettacoli teatrali e musicali, che richiamerà anche quest’anno a Trieste autori di tutto il mondo. A discutere con questi giovani poeti arriveranno a Trieste la scrittrice e poetessa Michela Monferrini, past winner del Concorso e finalista del Premio Calvino 2012 con il romanzo d’esordio, pubblicato nel 2014 da Mondadori, “Chiamami anche se è notte”. Insieme a lei la scrittrice ed editor Federica Manzon, autrice di “Di fama e di sventura” (2011, Mondadori, premio Rapallo Carige 2011 e Premio Selezione Campiello 2011) e Simone Marcuzzi, il cui ultimo romanzo, “Dove si va da qui”, è uscito a settembre 2014 per Fandango Libri. I tre saranno protagonisti di un incontro-confronto dedicato alle forme del romanzo contemporaneo e alla creazione dei suoi personaggi.

A testimonianza del forte impegno civile che caratterizza il Concorso Internazionale di Poesia “Castello di Duino” a ogni edizione i giovani vincitori offrono una parte del loro premio in solidarietà e, per volontà di Antonietta Risolo, titolare della Casa Editrice Ibiskos Risolo, anche il ricavato del libro che raccoglie le poesie dei vincitori va alla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin, per i bambini vittime di guerra.

Anche quest’anno faranno da corollario alla premiazione molte iniziative: dal 17 al 22 marzo, passando per il 21 marzo, Giornata Mondiale della Poesia proclamata dall’Unesco, Duino e Trieste si trasformeranno in un grande laboratorio poetico-letterario.

SINTESI DEL PROGRAMMA

Aprirà la manifestazione, il 17 marzo, l’inaugurazione della mostra fotografica legata al concorso, che quest’anno ha come tema “Dopo il viaggio” e raccoglie una selezione di scatti inviati da tutto il mondo dai giovani poeti del Concorso Internazionale di Poesia Castello di Duino, commentati con i loro stessi versi, per riportare, nell’età del “visuale”, l’immagine alla parola. L’inaugurazione sarà seguita da un reading di poesie e da esibizioni musicali. Seguirà il 18 marzo l’incontro “Letture da un premio Nobel”, reading di brani tratti dai romanzi di Patrick Modiano, vincitore del Nobel 2014 per la Letteratura. Il 19 marzo sarà la volta di un reading di poesie dal titolo “Linguaggi e culture a Trieste”, con la partecipazione delle tante comunità che popolano questa città multietnica: greci, ucraini, iraniani, cinesi, albanesi, serbi, croati. Il 20 marzo sarà proposto l’ormai tradizionale workshop dal titolo “s-Tradurre, ciò che la lingua non può e la traduzione deve (nell’officina del traduttore poeta)”, un dialogo fra poeti e traduttori sul lavoro di traduzione di testi poetici, sulle sue difficoltà e sul suo intenso fascino. Nella stessa giornata si terrà l’incontro “Trieste e la cultura dei giovani”, che ripercorrerà gli undici anni della manifestazione con il saluto delle autorità agli ospiti. Seguirà una performance musicale-poetica affidata al trombettista Mario Fragiacomo, con l’intervento di Miriam Monica, dal titolo “Quella tromba di latta dal confine orientale italiano”. Il 21 marzo, Giornata Mondiale della Poesia, dopo la premiazione della sezione di concorso dedicata alle scuole ci sarà la premiazione della sezione giovanissimi. Infine il 22 marzo ospite della manifestazione sarà la scrittrice e poetessa Michela Monferrini, che curerà l’incontro “Personaggi in formazione. Dialogo sul campo del romanzo”. Insieme a lei la scrittrice ed editor Federica Manzon e Simone Marcuzzi, il cui ultimo romanzo, “Dove si va da qui”, è uscito a settembre 2014 per Fandango Libri. Nel pomeriggio la manifestazione sarà chiusa dalla cerimonia di premiazione del Concorso, nella splendida location offerta dal Castello di Duino, con la lettura delle poesie premiate da parte dei giovani vincitori. Tutti gli incontri si terranno in sedi prestigiose, dislocate in varie zone della città di Trieste, dallo sala del Consiglio Comunale, sita nella splendida Piazza dell’Unità d’Italia, alla Camera di Commercio cittadina. Ad accompagnare gli appuntamenti sarà la musica di formazioni orchestrali e corali cittadine, che farà da contrappunto a letture e conferenze.

MICHELA MONFERRINI

Michela Monferrini è nata a Roma il 6 gennaio 1986. È stata finalista al Premio Subway Poesia 2005 e Campiello Giovani 2008. Ha curato la biografia del critico letterario e musicale Walter Mauro (La letteratura è un cortile, Perrone 2011) e la miscellanea di scritti sull’opera di Antonio Debenedetti Quasi un racconto (Edilet 2009). È autrice della guida letteraria Conosco un altro mare. La Napoli e il Golfo di Raffaele La Capria (Perrone 2012). Nel 2014 è uscito per Mondadori il suo primo romanzo, Chiamami anche se è notte, che era stato finalista al Premio Calvino 2012 con il titolo Gennaio come. Giornalista pubblicista, scrive per le pagine culturali del quotidiano Il Garantista, e collabora con L’Indice dei Libri del Mese e Nuovi Argomenti. È anche istruttrice di nuoto.

FEDERICA MANZON

Federica Manzon è nata nel 1981 a Pordenone. Ha vissuto molti anni a Trieste, dove ha studiato, laureandosi in Filosofia contemporanea. Ha partecipato a diversi progetti di studio e lavoro finanziati dalla Comunità Europea, e da uno di questi, in Grecia, è nato il suo primo libro Come si dice addio pubblicato nel 2008 da Mondadori. Si è poi trasferita a Milano dove ha iniziato a lavorare per l’editoria, attualmente è editor della Narrativa Straniera a Mondadori. Collabora con l’organizzazione del festival letterario “pordenonelegge.it”, il quotidiano di Trieste “Il Piccolo” ed è redattrice della rivista letteraria “Nuovi Argomenti”. Suoi racconti sono apparsi su diversi giornali, riviste, e antologie. Nel 2011 è uscito il suo romanzo Di fama e di sventura (Mondadori) che ha vinto il Premio Rapallo Carige per la Letteratura Femminile e il Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati.

SIMONE MARCUZZI:

È nato a Pordenone nel 1981. Laureato in Ingegneria, dopo le raccolte di racconti Cosa faccio quando vengo scaricato e altre storie d’amore crudele (Zandegù) e 10 italiani che hanno conquistato il mondo (Laurana) ha esordito con il romanzo Vorrei star fermo mentre il mondo va (Mondadori, 2010, vincitore del Premio Zocca). Il suo nuovo romanzo, Dove si va da qui, è uscito a settembre 2014 per Fandango Libri.

Concorso Internazionale di Poesia e teatro Castello di Duino

Trieste – Duino (varie sedi)

17-22 marzo 2015

http://home.castellodiduinopoesia.org

INFORMAZIONI PER LA STAMPA:Immagine in linea 1

 
 
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...