Simone Di Maggio, “Avevo sei anni e mezzo”

Una gentile lettrice ( Giovanna I.) ci segnala, con queste parole , il libro di Simone Di Maggio, “Avevo sei anni e mezzo”

“...ho visto il blog e l’ho trovato interessante però non ho visto tra i libri quello di Simone Di Maggio “Avevo sei anni e mezzo” uscito da poco, che sta davvero facendo scalpore sia per il contenuto, sia per il modo in cui è scritto.
E’ bellissimo.
Io l’ho conosciuto tramite un’intervista su Donna Moderna e delle segnalazioni sul blog di Noimamme e così l’ho comprato.
Allego la copertina a la descrizione del libro presa dalla Fazi editore.”

Di fronte al portone, suono schiacciando forte il pulsante del citofono. Mi volto e saluto con la mano Flavio e sua mamma, che mi fanno ciao e se ne vanno. Forse pensano che qualcuno mi abbia aperto. Citofono di nuovo, schiacciando più forte, una, due volte…

Non c’è nessuno a casa, e nessuno in strada.

Mi guardo intorno, ho sei anni e mezzo, e ho paura.

Un parco alla periferia di Torino, uno spiazzo un po’ brullo riecheggiante di grida gioiose, di cigolii d’altalena, di mamme che chiamano ad alta voce i loro figli. Ma anche un terreno di caccia, per qualcuno che se ne sta tranquillo su una panchina a osservare quel che succede intorno a lui, in attesa del momento buono. Per alzarsi, avvicinarsi, magari regalare due parole dolci, o per fare una carezza. Qualcuno che il protagonista di questa scioccante vicenda realmente accaduta chiama il Falco. Se questa storia è stata scritta, è perché il bambino di allora è cresciuto, ma il Falco è rimasto a lungo con lui, come un dolore sotto pelle, un disagio quotidiano durante gli anni della crescita, per manifestarsi in pensieri neri e incontrollabili, attacchi di panico improvvisi, mentre l’adolescenza sembrava scorrere normale come quella di molti suoi coetanei. Per Simone, la rielaborazione interiore degli abusi subiti e il recupero della propria infanzia e della propria vita segnano un percorso di dolore e coraggio che passa attraverso la psicoterapia e l’ipnosi, finché ogni cosa non viene riportata a galla, per poter essere finalmente gettata lontano. Quel che resta, alla fine di questo viaggio, è una confessione lucida e consapevole.

Dopo il parco giochi, dopo il Falco, Simone ha riscritto la sua storia e finalmente ha ritrovato la sua vita.

Parte del ricavato di questo libro sarà devoluto a La Caramella Buona onlus, associazione da anni in prima linea nella lotta contro la pedofilia e la violenza sui minori.

Annunci

12 comments

  1. bellissimo libro, l’ho letto e ci sono delle parti di vera poesia, l’autore disegna le emozioni, spero non resti sconosciuto perchè merita davvero molto

  2. concordo, ho pianto, l’ho riletto, ho pianto, l’ho riletto, ho pianto, l’ho riletto, è sicuramente il libro più emozionante e bello che abbia mai letto in vita mia…e ho 48 anni!!!

  3. Sono una mamma di un bimbo di sei anni e mezzo e ho tanta paura, dopo aver letto il tuo libro ho anocra piu’ paura ma sono forte e cerchero’ di proteggere sempre il mio bambino.

  4. avrei voluto prenderti x mano e portarti lontano dal mostro in salvo..e avrei voluto esserci anche quando mia figlia correva il solito rischio!sono con voi

  5. ciao.. Simone.. non so che dire… non so neanche se arriverai a leggere questo messaggio.. in un giorno qualunque della tua vita… in qualunque momento lo farai.. ti prego contattami.. non credere sia stupido.. non sono in cerca di niente.. se non di verità.. in una vita che Non so perchè .. e non lo so credimi… mi ha fatto fare.. il tuo stesso percorso.. al contrario… Ho scritto un libro anche io… un pò come il tuo.. o forse diverso.. diverso perchè ho scritto tutto d’un fiato, qualcosa che non avrei mai pensato di arrivare a scrivere… o di conoscere dentro di me… una realtà simile.. possibile.. possibile che non ricordo nulla con gli occhi.. eppure ho descritto scene di dolore profonde che non so neanche io da dove ho tirato fuori.. volevo solo farti una domanda….chiederti un consiglio… io… vorrei sapere… … se vuoi sapere qualcosa di più di me.. forse.. vorrei poter avere un tuo giudizio… vorrei TU… TU .. leggessi il mio libro.. Ho letto il tuo.. e non riuscivo ad andare avanti.. come quando ho scritto il mio.. volevo scanzare gli occhi.. volevo nascondermi come nella pancia della mia mamma…non ho abbandonato dal mio viso la smorfia di “schifo” e perdonami.. non era riferito affatto alla tua scrittura tutt’altro… ma ad uno stronzo di uomo… non voglio ferirti e se non vuoi parlare di questo.. ti capisco.. hai già sofferto tanto…
    Il mio libro si intitola “un segreto in silenzio”… e poi… “aspetto te… “…
    un caldo abbraccio Simone!

  6. grazie di cuore per il tuo libro e per la tua testimonianza! spero un giorno di potertelo dire guardandoti negli e stringerti la mano!
    grazie!

  7. ho letto questo libro, si i pedofili sono persone perfide, io sono un’educatrice e gioco tutti i giorni con quelle splendide creature che sono i bambini.
    io propongo un’iniziativa natalizia a “il mestiere di leggere”, perchè non fate una recensione con il vostro giudizio su questo libro in homepage visto che siamo sotto natale e si fanno regali e sul libro c’è anche un bel fondo di beneficenza per La Caramella Buona che è al centro di una bellissima iniziativa benefica della Rai in questo momento?
    spero che qualcuno dei responsabili legga il mio messaggio…
    augurissimi
    Stefania

  8. ti sono vicina per il coraggio che hai avuto nello scrivere la tua/mia storia…il ricordo farà male x sempre, allo stesso modo,le lacrime scenderanno, il cuore soffrirà, la sensazione di aver paura rimarrà… eppure quando la mattina mi sveglio e guardo il sole…mi sento libera,fiera,viva,intoccabile….e sorrido… sempre…xchè mi sento estremamente amata…e forse…anche io,ho imparato finalmente ad amarmi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...