American Psyco – Bret Easton Ellis – 1991

una precisazione prima di tutto.

non andate a vedere il film, è una vera cazzata e nulla ha a che fare con il libro.

AMERICAN PSYCO

il libro che ha dovuto vincere, negli USA, una causa per la libertà di espressione per poter essere pubblicato.

il libro che l’associazione stampatori americani ha rifiutato di pubblicare e si è vista costretta a farlo dopo il rischio di risarcimento danni esorbitante all’autore…..

sapevo queste cose, ed ovviamente l’ho comperato subito anni fa appena l’hanno tradotto.

American Psyco è un libro di una violenza esorbitante, oltre il descrivibile.

E’ un libro stupendo, che essenzialmente parla di Patrick Bateman, un ricco figlio di papà completamente pazzo.

un pazzo bellissimo, con un volto ed un fisico strepitoso, vestito Armani, con scarpe Prada e borse Bottega Veneta….

peccato sia il più letale fottuto serial killer psicotico della storia dei romanzi….

Il libro, tramite Patrick, è una satira sociale cattivissima sulla società dei consumi, dove uno come Patrick è al di là di ogni sospetto perchè è bello, ricco e bianco, e quindi lui non è nemmeno sfiorato dalle indagini.

Dove l’immagine sostituisce il vuoto anteriore, di un sociopatico che la mattina guarda immagini di stragi ridendo, che fa a pezzi le sue donne ascoltando gli Eurithmics, e che per ridere manda pezzi del corpo ai genitori in scatole da regalo….

American Psyco è un libro cattivissimo, violentissimo, ma va assolutamente letto, e va letto ascoltando durante la lettura questi cantanti: Eurithmics, Duran Duran, INXS.

Non mi assumo responsabilità per i deboli di stomaco, c’è una scena con una donna nuda legata ad un pavimento a gambe aperte, un tubo dove non dovrebbe esserci ed un topo affamato, ed uno spettatore che ride della scena e filma il tutto….

Se reggete questo leggete il libro, altrimenti passate oltre, American Psyco è clamoroso ma non è davvero per tutti.

E mi raccomando, non guardate quella cagata del film, hanno dovuto tagliare TUTTE le scene violente del libro (diventava un horror e comunque certe scene avrebbero reso Saw un film della Disney…)

Advertisements

4 comments

  1. Concordo. Un libro che rimane assolutamente impresso.
    Me lo consigliò un amico e inizialmente lo abbandonai proprio alle prime descrizioni di violenza. Ma dopo tre giorni di tentennamenti, la curiosità ha preso il sopravvento e me lo sono letteralemente bevuta. Ora è diventato parte del mio immaginario, come potrai vedere nel mio blog 🙂
    Sul film concordo, la violenza di Bateman non ha niente a che fare con quella del personaggio che passa nel film. Però alcune trovate sono geniali, come l’omicidio di Owen con “Hip to be square” in sottofondo.

  2. Ciao Emma, io ho riletto Patrick ascoltando gli Eurithmics e musica anni 80.

    te lo consiglio, ti fa vivere l’atmosfera che il libro vuole trasmettere.

    ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...